Mediaterraneonews.it

Compressori ad aria

Come può essere utilizzata l’aria compressa per l’industria?

Cos’è l’aria compressa?

L’aria compressa non è altro che la semplice aria atmosferica intorno a noi, compressa, ovvero ridotta di volume attraverso un compressore e contenuta in un particolare e specifico serbatoio capace di resistere alla diversa pressione atmosferica.

L’aria compressa, ovvero i compressori industriali  è utilizzata al giorno d’oggi in nove industrie su dieci, diventata un mezzo di lavoro importantissimo e molto utile.
Viene anche soprannominata con il nominativo di “quarta risorsa”: a differenza di gas, acqua ed elettricità, che sono fornite da delle aziende esterne, l’aria compressa è generata sul posto, direttamente dal lavoratore che ne necessita. Per questo motivo, qualità e costi di produzione sono a carico esclusivo dell’utente.

Utilizzo dell’aria compressa nelle industrie farmaceutiche

PASTIGLIATURA

Nel lungo processo per la produzione delle pastiglie, l’aria compressa ha un ruolo fondamentale per la realizzazione del prodotto: dopo che le pastiglie vengono incapsulate con la pressa, l’aria compressa entra a contatto con il prodotto al fine di rimuovere polveri e sostanze difettose.
Durante questo passaggio, l’aria dovrà essere per forza asciutta al 100% perché anche solo una piccola percentuale di umidità dell’aria potrebbe provocare un rigonfiamento esterno della pastiglia.

L’aria compressa viene utilizzata anche nella fase successiva alla pressatura quando bisogna rivestire e incapsulare le polveri della pastiglia.

PULIZIA

Oltre ai macchinari utilizzati, bisogna tenere sempre pulito anche le ampolle, le provette e le bottiglie che contengono i medicinali; per farlo si utilizza proprio l’aria compressa che viene impiegata per asciugare i diversi strumenti.

TRASPORTO

Un altro settore dell’industrai farmaceutica in cui è ampiamente utilizzata l’aria compressa, è quello del trasporto dei materiali come polveri, liquidi…

L’aria compressa viene generata e indirizzata verso una testa di miscelazione, dove raccoglie gli elementi richiesti come polveri, liquidi e sostanze chimiche.
In questo caso l’aria entra in contatto con i prodotti, quindi prima di essere utilizzata bisogna assicurarsi che l’incontro del prodotto con la fonte d’aria non causi nessun effetto negativo alla merce.

IMBALLAGGIO

L’aria compressa viene utilizzata negli impianti per il confezionamento e per la sigillatura dei pacchi. Per i prodotti che hanno delle caratteristiche fortemente idrofile, come nel caso dei prodotti farmaceutici, bisogna creare una particolare atmosfera caratterizzata da aria secca intorno al prodotto e per questo motivo si utilizzano anche più di un compressore d’aria, affinché il prodotto non entri in contatto con umidità.

VALVOLE

L’aria compressa viene utilizzata anche come aria di pilotaggio per le apparecchiature di produzione come ad esempio lo possono essere delle valvole di regolazione.
In questo caso l’aria di pilotaggio prodotta da un compressore non deve tener conto di tutte quelle specifiche tecniche per la protezione e prevenzione del farmaco, in quanto l’aria non entra in diretto contatto con il prodotto farmaceutico.

Il mancato utilizzo dell’aria compressa può provocare dei seri danni ai macchinari e non solo, come ad esempio:

– corrosione delle tubazioni;
– congelamento delle linee esposte a una bassa temperatura.

CAMERA BIANCA

Tutte le produzioni di medicinali e prodotti per aziende farmaceutiche si tengono all’interno di particolari camere bianche in cui è necessario l’utilizzo dell’aria compressa.
In questo caso l’aria viene utilizzata come fonte di energia per motori o pompe.
Anche in questo caso, nonostante l’aria non entri in contatto con il prodotto, l’aria deve rispettare particolari qualità dell’ambiente.

All’interno della camera bianca, l’aria è anche utilizzata per asciugare i contenitori e per l’imbottigliamento dei diversi liquidi.
In questi casi l’aria non deve contenere né batteri né germi.