Mediaterraneonews.it

palestra nel futuro

Fitness, scopriamo come si trasformerà la palestra nel futuro

Al giorno d’oggi, esattamente come in tanti altri ambiti, la tecnologia ha modificato anche il modo di fare fitness. Technogym, uno dei marchi più importanti nel settore del benessere, ha chiaramente in mente come potrebbe essere rivoluzionato l’approccio alla palestra e al mantenersi in forma con il passare del tempo. Un aspetto da non sottovalutare considerato l’impatto che ormai ha la palestra nel quotidiano di molte persone.

Insomma, siamo tutti curiosi di scoprire come possa essere la palestra del futuro. L’obiettivo, come è stato sottolineato da Technogym, sarà indubbiamente quello di rivoluzionare completamente l’approccio, mettendo a disposizione della clientela tutta una serie di differenti esperienze. Technogym ha svelato alcuni dettagli su quella che potrebbe rivelarsi la palestra del futuro a Cesena, all’interno del campus dell’azienda.

Technogym e la nuova concezione di fitness

Di conseguenza, i device mobili potranno essere i protagonisti anche della palestra del futuro. Attualmente, sono sempre di più gli ambiti dove gli smartphone vengono utilizzati in modo frequente e costante. Basti pensare ai casino online, dove scegli i migliori videopoker gratis da giocare senza soldi, sfruttando il gran numero di bonus che vengono messi a disposizione per gli utenti, specialmente quelli che si registrano alla piattaforma d’azzardo per la prima volta.

Quindi, l’obiettivo sarà quello di creare un percorso su misura sfruttando i vari dispositivi tecnologici per ogni cliente della palestra. Una sorta di “abito” su misura che viene creato dalla palestra in modo tale da soddisfare ogni singolo bisogno delle persone. Un percorso che parte da casa, quando tramite il proprio smartphone si potrà decidere a quale corso iscriversi e sullo stesso dispositivo mobile si otterrà il programma personalizzato da seguire.

Le zone suddivise per workout

È stata proprio Technogym a sviluppare una sorta di palestra del futuro, che è stata ribattezzata “Club 4.0”. Si potrebbe anche ribattezzare una palestra d’alta moda, visto che comprenderà un po’ tutte le zone in cui verranno suddivisi i workout. Si parte dalla zona denominata “Biocircuit”, in cui i vari obiettivi di lavoro possono essere toccati in tempi generalmente brevi e con relativa facilità da parte di chi li sta perseguendo.

All’interno di Club 4.0 c’è anche la zona “Skillrow”, in cui i vogatori avranno la possibilità di sfidarsi uno al fianco dell’altro a colpi di remi, oppure anche agire di gruppo e provare a battere determinati tempi a cronometro. Insomma, una sorta di vero e proprio equipaggio, solo che non c’è l’acqua e nemmeno il sole a rendere più fastidioso l’allenamento.

La zona “Skillbike”, invece, è quella che permette agli utenti di cominciare a pedalare, trovando il medesimo percorso, sia a livello di irregolarità del tracciato che di grado di difficoltà, che si sarebbe affrontato all’aperto. Anche in questo caso, gli obiettivi possono essere i più disparati. C’è chi ha intenzione di coltivare lo spirito di squadra, mentre altri mirano a realizzare record su record o, ancora, raccogliere le sfide di altri sportivi.